NETTUNOCITTA.IT





NETTUNO
cenni storici

di Augusto Rondoni

HOME - OPERE

CHIESE ANTICHE


 

CHIESA DI SAN FRANCESCO

Chiesa di San Francesco già di San Bartolomeo. Fu costruita sulla base del Tempio della dea Fortuna dove ancora oggi sono visibili le arcate di pura forma romana che testimoniano appartenere al tempio pagano e dove fu rinvenuta una base marmorea che dice:

FORTUNIS ANTIATIBUS M. ANTONIUS RUFUS AXIUS - DAMASO

S..D.D.

mentre sulla campana grande del campanile di San Francesco, donata dal nettunese Pietro Antonio Soffredini nel 1724 leggiamo sovraimpresso:

PETRUS ANTONIUS SOFFREDINI NOBILIS ANTIATES IN HONOREM S. FRANC. ET B. MARIAE LAURE TANAE CONSTRUXIT.

che tradotto:
Pietro Antonio Soffredini nobile Anziate costrui in onore di S. Francesco e della Beata Maria di Loreto.

 

Parte del basamento dell'antico tempio della dea della Fortuna in "OPUS RETICULATUM" che attualmente trovasi ai piedi della arcade laterali accanto alla Chiesa di S. Francesco.

Nel 1863 fu dissepolta nei pressi del Forte Sangallo e della Chiesa di S. Francesco una statua di Ercole senza una gamba, ritrovatapoco più a ponente in precedenza, ora Villa Aldobrandini.

 

 

 

 

 

 

 

CHIESA DI SAN GIOVANNI BATTISTA
ED EVANGELISTA

Già dedicata all'assunta. Fu edificata sulle basi del grande Tempio del dio "Nettuno". Poi ricostruita più ampia nel 1748 e restaurata nel 1867. Nel rammodernamento del 1937, mediante l'abbattimento di case e casette per la creazione della piazza, furono dissepolti numerosi cippi funerari appartenenti a soldati della XII° legione romana "Anziate"

 

 


AUTORIZZAZIONE CONCESSA DALL' AUTORE AUGUSTO RONDONI

Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta e trasmessa in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo elettronico, meccanico o altro senza l’autorizzazione scritta dei proprietari dei diritti.