NETTUNOCITTA.IT




ANTOLOGIA DI RICORDI

di Augusto Rondoni

HOME - OPERE

INDICE - Prefazione - Ringraziamenti - 1) antefatto - 2) la "Piave" - 3) l'allarme - 4) "cedete le armi" - 5) la trappola - 6) la "Donati" - 7) al Poligono - 8) alla "Tofano"- 9) in Piazza - 10) i rivoltosi - 11) nel Borgo - 12) la finta partenza - 13) il Dictat - 14) tutti al forte - 15) tra le campane - 16) l'ultimatum - 17) senza complimenti - 18) le razzie - 19) dalla terrazza - 20) gli antifascisti - 21) i ferri del mestiere - 22) la decisione - 23) dalla "Carraia" - 24) il campanile - 25) tra le persiane - 26) al Sanatorio - 27) la minaccia - 28) i quadrimotori - 29) lo schiaffone - 30) l'avvertimento - 31) il plotone d'esecuzione - 32) il recupero - 33) l'arraffamento - 34) i pifferi - 35) Cincinnato - 36) via dei Latini 25 - 37) "papiren" - 38) i martiri
39) il padre del palletta- 40) i bombardieri - 41) i fornari - 42) le galline - 43) la fortezza volante - 44) suor Eletta - 45) Radio Londra - 46) la fame - 47) il monumento - 48) Coriolano - 49) la "grazzia" - 50) prologo - 51) patema - 52) "altro che buon riposo?" - 53) don Pietro - 54) all'alba - 55) le jeeps - 56) Cirillo è arrivato - 57) il binocolo - 58) la vacca grassa - 59) i palloni - 60) "so Salvatore!" - 61) i morti in fila - 62) la bara - 63) la lezione - 64) le cavallette - 65) i canadesi - 66) le capocce di villa Donati - 67) i bonaccioni - 68) i sorci de Totozzo - 69) lo stuka - 70) ponte smerdino - 71) la gallinella - 72) pallino - 73) l'F.B.I. - 74) per una foto - 75) la stretta - 76) tra i tumuleti - 77) le rancitelle - 78) a Tre Cancelli - 79) i gentlemen - 80) mio padre - 81) a sangue freddo - 82) "che botta" - 83) la mamie - 84) Ernesto - 85) sfollati e spidocchiati - 86) l'arma segreta - 87) cacarella a vento - 88) "you no strng" - 89) Incoscienza - 90) P.G.R. - 91) l'alza bandiera - 92) pasquetta '44 - 93) la fucilazione - 94) "mi nonna" - 95) la capanna bruciata - 96) allegro ritorno - 100) la coltellata - 101) campo minato - 102 Armandino - 103) i teschi - 104) il cap. Taylor - 105) come andarono le cose - 106) la verità - 107) la conferma della verità - 108) Fido - 109) La rabbia del '44 - 110) uno strano americano


73) l'F.B.I.


Quando avvenne lo sbarco americano, A.C. ed io collaborammo col controspionaggio. Fui contattato da un soldato italo-americano che faceva il maestro elementare in America. Ricordo ancora il suo nome: De Rubeis. Questi mi condusse presso una capanna a Tre Cancelli dove trovai un colonnello, due tenenti e due sott'ufficiali di cui uno interprete: cinque persone in tutto. Era l'ultimo giorno di gennaio: Mi chiesero delle notizie che del resto già conoscevano. Due giorni dopo si ripresentò De Rubeis per essere accompagnato ai Cioccati dove poteva esserci un certo F. Gli risposi subito che non era possibile, perché i miei compagni me lo avrebbero segnalato.
Mi rispose: " beh, andiamoci ugualmente ". Con la jeep imboccò Via Santa Maria e poi, all'altezza di Via Lombardia, girò per Piazza Regina Margherita e prese, a destra, Via Vittorio Veneto per fermarsi, quasi all'altezza di Lombardi, davanti una casetta ad un piano. Mi disse: " Scusami un momento ". Bussò alla porta cui s'affacciò quasi subito la signora Tortora, che disse come prima cosa: Buongiorno signor Mario ". Poi ascoltò l'Americano che le chiedeva se poteva andare un minuto nel loro ufficio. La signora rispose gentilmente che, poiché si stava preparando, dovevamo attendere alcuni minuti. Nel ritornare a sedersi al mio fianco, dissi a De Rubeis che la signora era l'interprete dei tedeschi. Egli rispose: " Me l'aspettavo che me lo dicessi ". Dopo alcuni minuti la signora salì e arrivammo presto a Tre Cancelli dove, in mia presenza, il colonnello le rinfacciò la collaborazione coi tedeschi facendo l'interprete. La signora, senza scomporsi e con voce ferma, asserì che non l'aveva fatto di sua volontà, le era stato comandata dagli stessi Tedeschi. Ed aggiunse: " Sono l'agente dell'Intelligence Service matricola..., trasferita a Nettuno prima della guerra, proveniente dalla Turchia: Prego controllare ". La signora conosceva sette lingue. Non ebbe bisogno dell'interprete per scagionarsi.

 

AUTORIZZAZIONE PER LA PUBBLICAZIONE
COCESSA DA AUGUSTO RONDONI

Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta e trasmessa in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo elettronico, meccanico o altro senza l’autorizzazione scritta dei proprietari dei diritti.