NETTUNOCITTA.IT




ANTOLOGIA DI RICORDI

di Augusto Rondoni

HOME - OPERE

INDICE - Prefazione - Ringraziamenti - 1) antefatto - 2) la "Piave" - 3) l'allarme - 4) "cedete le armi" - 5) la trappola - 6) la "Donati" - 7) al Poligono - 8) alla "Tofano"- 9) in Piazza - 10) i rivoltosi - 11) nel Borgo - 12) la finta partenza - 13) il Dictat - 14) tutti al forte - 15) tra le campane - 16) l'ultimatum - 17) senza complimenti - 18) le razzie - 19) dalla terrazza - 20) gli antifascisti - 21) i ferri del mestiere - 22) la decisione - 23) dalla "Carraia" - 24) il campanile - 25) tra le persiane - 26) al Sanatorio - 27) la minaccia - 28) i quadrimotori - 29) lo schiaffone - 30) l'avvertimento - 31) il plotone d'esecuzione - 32) il recupero - 33) l'arraffamento - 34) i pifferi - 35) Cincinnato - 36) via dei Latini 25 - 37) "papiren" - 38) i martiri
39) il padre del palletta- 40) i bombardieri - 41) i fornari - 42) le galline - 43) la fortezza volante - 44) suor Eletta - 45) Radio Londra - 46) la fame - 47) il monumento - 48) Coriolano - 49) la "grazzia" - 50) prologo - 51) patema - 52) "altro che buon riposo?" - 53) don Pietro - 54) all'alba - 55) le jeeps - 56) Cirillo è arrivato - 57) il binocolo - 58) la vacca grassa - 59) i palloni - 60) "so Salvatore!" - 61) i morti in fila - 62) la bara - 63) la lezione - 64) le cavallette - 65) i canadesi - 66) le capocce di villa Donati - 67) i bonaccioni - 68) i sorci de Totozzo - 69) lo stuka - 70) ponte smerdino - 71) la gallinella - 72) pallino - 73) l'F.B.I. - 74) per una foto - 75) la stretta - 76) tra i tumuleti - 77) le rancitelle - 78) a Tre Cancelli - 79) i gentlemen - 80) mio padre - 81) a sangue freddo - 82) "che botta" - 83) la mamie - 84) Ernesto - 85) sfollati e spidocchiati - 86) l'arma segreta - 87) cacarella a vento - 88) "you no strng" - 89) Incoscienza - 90) P.G.R. - 91) l'alza bandiera - 92) pasquetta '44 - 93) la fucilazione - 94) "mi nonna" - 95) la capanna bruciata - 96) allegro ritorno - 100) la coltellata - 101) campo minato - 102 Armandino - 103) i teschi - 104) il cap. Taylor - 105) come andarono le cose - 106) la verità - 107) la conferma della verità - 108) Fido - 109) La rabbia del '44 - 110) uno strano americano


53) don Pietro


Le prime truppe appena sbarcate, corsero alla volta del. porto di Anzio per occuparlo. Tra i rangers, che passarono dietro il muro di cinta di Villa Borghese, alcuni si fermarono per Via del Colle e bussarono al portone situato prima della Cappella. don Pietro, che fin dalla evacuazione forzata s'era trasferito all''Orsenigo, udì bussare ma data l'ora insolita e la nottata con quel bombardamento, soprassedette dall'aprire, o dal rispondere. Le monache per contro, avendo passato una notte agitata sempre per lo stesso motivo, s'erano riunite in preghiera presso l'oratorio, quando d. Pietro, infastidito dall'insistente bussare, procurato dai calci di fucile, dall'interno, redarguì in tedesco gli avventori chiedendo loro che cosa volessero a quell'ora. A tale domanda, fu subitamente risposto con una sventagliata di mitra che, per fortuna, non colse il sacerdote. Per i Rangers sentirsi rispondere in tedesco fu un piacevole invito a far fuoco. Con alcune raffiche riuscirono presto a far saltare la serratura ed irruppero all'interno seguitando a sparare. d. Pietro, spaventato, sin dalla prima raffica era scappato, e raggiunse la saletta dov'erano riunite le monache in preghiera. Fu un momentaccio.
Quando i Rangers si accorsero che era un convento di suore, cessarono il fuoco e, nonostante d. Pietro vestisse una tuta, biascicando in americano si fece riconoscere e tutto finì bene. Rientrando nel suo studio constatò che una delle pallottole delle raffiche sparate era andata a conficcarsi nelle pagine di un antico libro di latino a cui teneva molto: lo conservò gelosamente, con la pallottola conficcata, fino ai suoi ultimi giorni.
Lo stesso giorno, più tardi, per raccontarmi il pericolo scampato, si fece accompagnare, in macchina, da due americani coi quali aveva già familiarizzato. Venne a Spinobianco, dove stavamo, e rimase insieme con gli americani a pranzo con noi. Mia madre, per festeggiare la liberazione dai tedeschi, diede fondo alle riserve approntando una quantità di lacne al sugo con patate al forno. Gli americani, mangiando insieme con noi, rimasero enormemente meravigliati e soddisfatti tanto che, per sdebitarsi, ci colmarono di una gran quantità di scatolame vario, cioccolate e sigarette.

 

AUTORIZZAZIONE PER LA PUBBLICAZIONE
COCESSA DA AUGUSTO RONDONI

Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta e trasmessa in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo elettronico, meccanico o altro senza l’autorizzazione scritta dei proprietari dei diritti.