LUIGI TRAFELLI
SCIENZIATO 1881 - 1942

di Benedetto la Padula

Luigi Trafelli (Nettuno 7 giugno 1881 - 10 dicembre 1942), fisico e matematico. Dopo aver frequentato a Roma il Ginnasio "Terenzio Mamiani" e il Liceo Nazareno, si iscrisse nel 1899 alla Facoltà di Scienze dell'Università di Roma, dove nel marzo 1903 conseguì la laurea in matematica con il massimo dei voti, dissertando sul "Problema d'inversione degli integrali definiti", relatore il professor Vito Volterra.
Vincitore di una borsa di studio della Fondazione Corsi dell'Università di Roma, compì nel 1903-1904 un anno di perfezionamento in fisica matematica presso lo stesso maestro Volterra: contemporaneamente seguiva i corsi di lezioni ed esercitazioni e sosteneva tutti gli esami occorrenti al conseguimento della laurea in fisica. Si recò quindi a Liegi, dove, presso l'Istituto Montefiore dell'Università, diretto dal prof. Eric Gerard, potè dedicarsi ai suoi studi preferiti di ingegneria elettrotecnica. Alla line dell'anno accademico 1904-1905, dopo aver superato "avec distinction les premières épreuves d'ingenieur électricien", quando gli rimaneva ormai soltanto un anno di studio per conseguire il diploma di engenieur électricien, gravi ragioni di famiglia lo costrinsero a lasciare il Belgio per tornare a Nettuno. Alla stessa estate del 1905 risale il suo geniale lavoro giovanile inerente all'invenzione di quel "nuovo tipo di dinamo unipolare a corrente continua" che rappresentava quanto di più perfetto fino ad allora si era fatto nel campo. Questa invenzione fu oggetto di una brillante tesi sperimentale di laurea in fisica, sostenuta con il massimo dei voti nell'Università di Pavia nel marzo 1906 (relatore il professor Salvioni) e fu subito dopo brevettata in Italia ed in Ungheria (congiuntamente all'amico ingegnere Antonio Trua). Seguono, negli anni successivi, una serie di importanti pubblicazioni del Trafelli sull'argomento, alcune delle quali sono riportate nel volume "Argomenti di scienza pura e applicata", distribuito nel 1938 a varie Università italiane. Dedicandosi all'insegnamento della matematica, della fisica e della chimica, vinse innumerevoli concorsi e divenne titolare di varie Scuole Tecniche e Licei in Italia (ivi compreso il Liceo Umberto I di Roma) e all'estero; insegnò per circa tre lustri nelle scuole medie superiori di Tunisi, Alessandria d'Egitto e Cairo. Fu per vari anni rappresentante degli insegnanti medi all'estero, e come tale fece parte anche di Commissioni sulle scuole italiane all'estero e del Consiglio Centrale del Ministero degli Esteri.
La sua missione di insegnante continuò con alta esperienza e passione per tutta la vita, praticamente sino ai suoi ultimi giorni, lasciando impronte indelebili di venerazione e commosso affetto nei suoi alunni, alcuni dei quali ancora lo ricordano. Membro della Società Italiana per il Progresso delle Scienze e della Società Italiana di Fisica, continuò a contribuire al progresso delle scienze, come dimostrato dalle sue numerose pubblicazioni. Ricordiamo tra l'altro le ardite ipotesi sulla dissociazione dell'atomo, sull'entità del neutrone e del protone e sull'esistenza del positrone, successivamente confermate da Blanckett, Occhialini. Fermi, Heisenberg e Majorana; le ipotesi circa l'origine dei raggi cosmici; i nuovi indirizzi di ricerca da lui suggeriti nei campi della geofisica e dell'astrofisica sulla base di tesi del tutto nuove in materia; i brevetti. Oltre alla citata dinamo elettrica, fu infatti inventore di un "Dispositivo per rendere ultra-sensibili e ultra-efficaci strumenti e dispositivi rivelatori qualsiansi di correnti elettriche" (brevettato nel 1918) e dì un "Sistema telegrafico tacheofonico" (1928). Dopo sei mesi da quest'ultimo brevetto, un analogo sistema fu indipendentemente e trionfalmente esposto dal tedesco dott. Otto Stille a Parigi (v. in "Le Matin" 24 novembre 1928, l'articolo dal titolo "Les miracles de la science. Un fil d'acier qui écoute et parie" e l'articolo "Oltre ogni fantasia. il filo d'acciaio parlante", pubblicato dal Messaggero il 9 dicembre 1938). Dal 1917 - durante la prima guerra mondiale maturarono nell'animo del Trafelli profonde convinzioni religiose. Fu in quell'anno, infatti, che pubblicò il suo primo volume filosofico-religioso "Secolo XX dopo Cristo - Ubi Christianus?" (nel fondo "lOOLibri per Nettuno", inv. n. 184), scritto subito dopo aver serenamente superato in un ospedale militare una gravissima infermità. Seguirono numerose altre pubblicazioni sull'argomento, undici in tutto, da lui raccolte in un ispirato volume del 1938 intitolato "Mein Kampf (nel fondo "lOOLibri per Nettuno", inv. n. 183). Molti dei suoi libri ed estratti di stampa furono diffusi in Europa in quattro lingue. Un'ampia raccolta dei suoi scritti è stata donata al Comune di Nettuno dalle pronipoti Carla e Franca Podo ed è conservata nello speciale fondo "lOOLibri per Nettuno".