NETTUNOCITTA.IT




ANTOLOGIA DI RICORDI

di Augusto Rondoni

HOME - OPERE

INDICE - Prefazione - Ringraziamenti - 1) antefatto - 2) la "Piave" - 3) l'allarme - 4) "cedete le armi" - 5) la trappola - 6) la "Donati" - 7) al Poligono - 8) alla "Tofano"- 9) in Piazza - 10) i rivoltosi - 11) nel Borgo - 12) la finta partenza - 13) il Dictat - 14) tutti al forte - 15) tra le campane - 16) l'ultimatum - 17) senza complimenti - 18) le razzie - 19) dalla terrazza - 20) gli antifascisti - 21) i ferri del mestiere - 22) la decisione - 23) dalla "Carraia" - 24) il campanile - 25) tra le persiane - 26) al Sanatorio - 27) la minaccia - 28) i quadrimotori - 29) lo schiaffone - 30) l'avvertimento - 31) il plotone d'esecuzione - 32) il recupero - 33) l'arraffamento - 34) i pifferi - 35) Cincinnato - 36) via dei Latini 25 - 37) "papiren" - 38) i martiri
39) il padre del palletta- 40) i bombardieri - 41) i fornari - 42) le galline - 43) la fortezza volante - 44) suor Eletta - 45) Radio Londra - 46) la fame - 47) il monumento - 48) Coriolano - 49) la "grazzia" - 50) prologo - 51) patema - 52) "altro che buon riposo?" - 53) don Pietro - 54) all'alba - 55) le jeeps - 56) Cirillo è arrivato - 57) il binocolo - 58) la vacca grassa - 59) i palloni - 60) "so Salvatore!" - 61) i morti in fila - 62) la bara - 63) la lezione - 64) le cavallette - 65) i canadesi - 66) le capocce di villa Donati - 67) i bonaccioni - 68) i sorci de Totozzo - 69) lo stuka - 70) ponte smerdino - 71) la gallinella - 72) pallino - 73) l'F.B.I. - 74) per una foto - 75) la stretta - 76) tra i tumuleti - 77) le rancitelle - 78) a Tre Cancelli - 79) i gentlemen - 80) mio padre - 81) a sangue freddo - 82) "che botta" - 83) la mamie - 84) Ernesto - 85) sfollati e spidocchiati - 86) l'arma segreta - 87) cacarella a vento - 88) "you no strng" - 89) Incoscienza - 90) P.G.R. - 91) l'alza bandiera - 92) pasquetta '44 - 93) la fucilazione - 94) "mi nonna" - 95) la capanna bruciata - 96) allegro ritorno - 100) la coltellata - 101) campo minato - 102 Armandino - 103) i teschi - 104) il cap. Taylor - 105) come andarono le cose - 106) la verità - 107) la conferma della verità - 108) Fido - 109) La rabbia del '44 - 110) uno strano americano


84) Ernesto


Allora la mia famiglia stava accampata in mezzo ai vigneti di Spino Bianco. Io, che ero un monellaccio di 10 anni, per essere più libero, optai di stare coi nonni che stavano presso le grotte di Liberati, davanti alle monache della Casa del Sole, dove c'era anche il comando dei carabinieri. Con altri ragazzi, pressappoco della mia età, andavamo sempre a ficcanasare dietro la siepe dell'oliveto di Brovelli, lungo la strada di Camposanto, dove mio nonno ed altri lavoravano per gli Americani, facendo buche per sotterrare i morti che arrivavano continuamente coi camions dal fronte. Quanti ce n'erano ancora da seppellire! Una volta, i tedeschi bombardarono di notte la zona e mio nonno ed altri furono feriti. Mia nonna, prontamente, provvide a medicarlo alla meglio e dovette aspettare fino a giorno inoltrato per attraversare la strada, dato l'incessante ed ininterrotto traffico di mezzi e caricarlo sulla autoambulanza che lo condusse al pronto soccorso, presso il 1° cancello di Villa Borghese.
Rimasto solo, scoppiai a piangere, poi, passato il primo momento di sconforto, ritrovai l'orientamento per dirigermi a Spino Bianco, dov'erano i miei genitori. Mi . avviai verso il cimitero, ma durante il tragitto subii dei mitragliamenti e i soldati, per farmi correre meno rischio, mi prendevano e gettavano dentro le cunette, mi regalavano un pezzo di cioccolata e mi facevano animo.
Altri invece mi regalarono una razione. Io mi rifocillavo e poi proseguivo. Infine giunsi presso la capanna dei miei lacero e stanco, ma con mia ulteriore costernazione la trovai vuota. Non sapevo più a quale Santo votarmi, quando sopraggiunse il cuoco americano della compagnia, ricordo ancora il suo nome, Ernesto, un italoamericano che, con fare paterno, mi consigliò di stare tranquillo, che presto sarebbero venuti mamma e papà, dato che lì c'era da magnà, la legna per il fuoco ecc. E, tanto per farmi distrarre, mi domandò anche come stavano i nonni: io gli raccontai l'incidente. Sapendo che ero solo nei giorni successivi, quest'uomo mi tenne quasi sempre vicino a sè. Ci vollero altri cinque o sei giorni prima che i miei ritornassero, perché da Nettuno avevano cominciato ad evacuare la popolazione. Noi fummo evacuati da lì per ultimi. Passata Pasqua, fummo caricati e portati a Santa Teresa da dove il giorno seguente, fummo imbarcati direttamente sulla nave Liberty con il camion: destinazione, Napoli. Passammo davanti all'isola di Ponza che è sulla rotta per Napoli.

 

AUTORIZZAZIONE PER LA PUBBLICAZIONE
COCESSA DA AUGUSTO RONDONI

Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta e trasmessa in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo elettronico, meccanico o altro senza l’autorizzazione scritta dei proprietari dei diritti.