NETTUNOCITTA.IT




ANTOLOGIA DI RICORDI

di Augusto Rondoni

HOME - OPERE

INDICE - Prefazione - Ringraziamenti - 1) antefatto - 2) la "Piave" - 3) l'allarme - 4) "cedete le armi" - 5) la trappola - 6) la "Donati" - 7) al Poligono - 8) alla "Tofano"- 9) in Piazza - 10) i rivoltosi - 11) nel Borgo - 12) la finta partenza - 13) il Dictat - 14) tutti al forte - 15) tra le campane - 16) l'ultimatum - 17) senza complimenti - 18) le razzie - 19) dalla terrazza - 20) gli antifascisti - 21) i ferri del mestiere - 22) la decisione - 23) dalla "Carraia" - 24) il campanile - 25) tra le persiane - 26) al Sanatorio - 27) la minaccia - 28) i quadrimotori - 29) lo schiaffone - 30) l'avvertimento - 31) il plotone d'esecuzione - 32) il recupero - 33) l'arraffamento - 34) i pifferi - 35) Cincinnato - 36) via dei Latini 25 - 37) "papiren" - 38) i martiri
39) il padre del palletta- 40) i bombardieri - 41) i fornari - 42) le galline - 43) la fortezza volante - 44) suor Eletta - 45) Radio Londra - 46) la fame - 47) il monumento - 48) Coriolano - 49) la "grazzia" - 50) prologo - 51) patema - 52) "altro che buon riposo?" - 53) don Pietro - 54) all'alba - 55) le jeeps - 56) Cirillo è arrivato - 57) il binocolo - 58) la vacca grassa - 59) i palloni - 60) "so Salvatore!" - 61) i morti in fila - 62) la bara - 63) la lezione - 64) le cavallette - 65) i canadesi - 66) le capocce di villa Donati - 67) i bonaccioni - 68) i sorci de Totozzo - 69) lo stuka - 70) ponte smerdino - 71) la gallinella - 72) pallino - 73) l'F.B.I. - 74) per una foto - 75) la stretta - 76) tra i tumuleti - 77) le rancitelle - 78) a Tre Cancelli - 79) i gentlemen - 80) mio padre - 81) a sangue freddo - 82) "che botta" - 83) la mamie - 84) Ernesto - 85) sfollati e spidocchiati - 86) l'arma segreta - 87) cacarella a vento - 88) "you no strng" - 89) Incoscienza - 90) P.G.R. - 91) l'alza bandiera - 92) pasquetta '44 - 93) la fucilazione - 94) "mi nonna" - 95) la capanna bruciata - 96) allegro ritorno - 100) la coltellata - 101) campo minato - 102 Armandino - 103) i teschi - 104) il cap. Taylor - 105) come andarono le cose - 106) la verità - 107) la conferma della verità - 108) Fido - 109) La rabbia del '44 - 110) uno strano americano


10) i rivoltosi

Tra gli insorti c'era pure Oscar D.F., Amleto C., Gianfranco L. e Silvio P., centro avanti della Lazio., Con questo ultimo andammo difilato, a bordo d'un camioncino " Musetto " alla caserma Piave, dove caricammo armi e viveri che distribuimmo a tutti.
Uniti ad altri animosi ci appostammo presso il forte Sangallo, dove s'erano installati alcuni ufficiali superiori e, riuscimmo a bloccare un torpedone proveniente dalla Piave. L'autista fu colpito in fronte e morì all'istante portando l'auto- mezzo a cozzare contro il muro del cinema; gli altri tentarono invano una sortita. Due si arresero subito e gli altri due invece si appostarono dietro gli speroni di rafforzo: lì uno fu subitamente ferito con una baionettata all'addome inferta da F., che sopravvenne dalla Via della Piccola Velocità, della ferrovia; era spuntato come un' ossesso brandendo l'arma e colpendolo, lo costrinse ad accasciarsi. L'altro, fingendosi ferito, voleva vender cara la pelle e, lentamente, cercò di spararmi con la pistola ma feci prima io a farlo fuori col moschetto.
Sgombrammo subito la strada dai morti, deponendoli die-tro il cancello del forte ed adagiammo il ferito grave sul gradino del cinema. Demmo disposizione ai pompieri, che stavano lì a fianco della caserma, di trasportarli presso il Comando. Adoperarono una scaletta e li condussero uno alla volta. Francesco S., dei nostri, si incaricò di parcheggiare il torpedone in piazza presso le mura castellane. I1 giorno successivo venne a bordo d'una camionetta con la bandiera bianca, il commissario di P.S. ed un ufficiale tedesco a parlamentare piazza e convincerci alla resa: fummo invitati a salire sull'automezzo G .O., A.C. ed io e ci condussero ad Anzio, presso il ponte a Santa Teresa. Là parlammo col colonnello tedesco e prendemmo precisi accordi di non belligeranza tra le parti. Loro promisero che si sarebbero comportati correttamente quando si fossero recati a fare acquisti nei negozi, per contro noi non avremmo più reagito contro di loro.
Fummo ricondotti a Nettuno, dove seguitammo a girare con la camionetta, sempre con la bandiera bianca, per avvisare le squadre e la popolazione degli accordi raggiunti. D'altronde fu anche logico non insistere, poiché già circolava la voce che i tedeschi avrebbero fatto saltare la polveriera, con il disastro che ne sarebbe derivato. Non tutti però furono d'accordo.


Truck Opel Blitz

 

 

AUTORIZZAZIONE PER LA PUBBLICAZIONE
COCESSA DA AUGUSTO RONDONI

Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta e trasmessa in qualsiasi forma o con qualsiasi mezzo elettronico, meccanico o altro senza l’autorizzazione scritta dei proprietari dei diritti.